Big Data – Dilemmi etici e normative sulla privacy

Raccolta dati e privacy

Quindi, perché dovremmo pensare alla nostra sicurezza e alla nostra privacy in merito alla raccolta dei dati? Le aziende non hanno sempre registrato e conservato i nostri dati, utilizzandoli per comunicare con noi e per cercare di indirizzarci meglio con annunci o informazioni pertinenti? Ebbene sì, da molto tempo forniamo i nostri dati, ma il modo in cui vengono registrati, gestiti, utilizzati e venduti ad altre aziende è cambiato negli ultimi anni. Poiché molte aziende fanno parte di multinazionali più grandi, spesso cediamo inconsapevolmente i dati a una gamma molto più ampia di società che li utilizzano per molti scopi, tra cui la vendita ad altre aziende per scopi pubblicitari e usi simili. Inoltre, forniamo più informazioni di quanto pensiamo, poiché il tracciamento online e l’analisi delle nostre abitudini e dei nostri comportamenti sono diventati sempre più avanzati. Approviamo i cookie sui siti web senza pensarci due volte e non consideriamo nemmeno che con questa azione permettiamo che le nostre azioni vengano tracciate e registrate, che i nostri dati vengano conservati da terzi e così via. 

Questo ha molto a che fare con l’emergere dei Big Data e con il modo in cui le aziende elaborano e utilizzano i dati. Che cosa sono i Big Data? I Big Data rappresentano fondamentalmente un’enorme quantità di dati, che arrivano costantemente a grande velocità e che aumentano esponenzialmente le loro dimensioni nel tempo. I Big Data non possono essere catturati o elaborati con i precedenti mezzi di raccolta e analisi dei dati. Comprendono un’ampia varietà di informazioni, in pratica tutto ciò che può essere tracciato o memorizzato su una persona, un’azienda, le sue azioni e simili: nomi, indirizzi, numeri, posizione, foto, post sui social media, comportamento online, preferenze e qualsiasi altra informazione che possa essere osservata e registrata. Queste informazioni possono essere fornite con l’esplicita approvazione e conoscenza della persona, oppure possono essere il prodotto di cookie, tracciamento online e mezzi più sottili di cui gli individui non sempre sono consapevoli e non necessariamente accettano di fornire tali informazioni.

Le attuali normative sui big data

I Big Data sono relativamente nuovi e, come tali, non sono sempre regolamentati e monitorati come forse dovrebbero. In alcuni Paesi non esistono ancora normative sui Big Data o su qualsiasi tipo di raccolta di dati. Nell’UE esiste il GDPR (Regolamento generale sulla protezione dei dati), che può parzialmente influenzare e regolamentare i Big Data, anche se non è rivolto specificamente ai Big Data e non è una soluzione sufficiente.

Il GDPR mira a proteggere le persone e a garantire che vengano raccolti solo i dati necessari, oltre che conservati e utilizzati in modo etico e con l’approvazione dell’individuo. Ciò è in contrasto con i Big Data, che mirano a raccogliere il maggior numero di dati possibile per effettuare analisi e prendere decisioni in base ad essi. I Big Data circolano a livello globale tra grandi aziende, organizzazioni multinazionali, inserzionisti e partner. Il consenso viene solitamente richiesto in modo molto semplice ed elementare e le persone non sono realmente consapevoli di ciò a cui stanno acconsentendo. Questo non è necessariamente dovuto al fatto che l’azienda stia cercando di ingannarci o di evitare la trasparenza, ma al nostro desiderio di semplificare tutto e di seguire la strada più facile. Non leggiamo davvero nessuna delle notifiche che ci chiedono il consenso e cosa stiamo cedendo. La verità è che anche quando cediamo dei dati, con il GDPR siamo ancora tecnicamente i proprietari di questi dati e possiamo chiedere alle aziende di cancellarli o di smettere di usarli: per la maggior parte di noi non vale la pena di perdere tempo e di impegnarsi.

I Big Data possono diventare più etici?

Ci siamo abituati a questa costante connessione e a questo sovraccarico di informazioni, e non pensiamo troppo a dare via le nostre informazioni. Questo non è necessariamente un male, ma può diventare pericoloso se tutti questi dati finiscono nelle mani sbagliate o vengono utilizzati in modo improprio dalle aziende. Dobbiamo essere consapevoli della complessità dei Big Data e pensare a quanto sia difficile controllare e tenere al sicuro questo vasto flusso di informazioni. Con una maggiore regolamentazione e leggi sui dati, le implicazioni etiche potrebbero migliorare, ma ciò richiede le buone intenzioni delle persone che lavorano per proteggere i nostri dati e le tecnologie avanzate. Se l’elaborazione dei Big Data diventasse più controllata, potrebbe aiutarci a ridurre le fughe di dati e le violazioni, a rendere le persone più sicure e a riconquistare la fiducia nelle aziende che gestiscono i nostri dati.

I Big Data etici devono garantire il consenso informato, con uno sforzo sufficiente da parte dell’azienda che raccoglie i dati per aiutare l’individuo a capire cosa e perché sta raccogliendo, nonché i diritti che l’individuo ha riguardo a questi dati. Dovrebbero inoltre essere previsti ulteriori regolamenti e un’ottima crittografia per qualsiasi informazione privata sensibile, oltre a garantire che tali dati sensibili vengano raccolti solo quando assolutamente necessario. Gli individui dovrebbero avere il diritto di modificare o cancellare i propri dati, di revocare il consenso o di effettuare altre azioni necessarie in merito ai dati che hanno fornito a una determinata azienda. Un’altra questione importante è garantire che le informazioni raccolte non influenzino decisioni e pratiche discriminatorie o di parte. La cura della sicurezza e del benessere delle persone deve essere sempre una priorità.

Risorse addizionali:

https://blog.hurree.co/blog/the-ethics-of-big-data
https://www.forbes.com/sites/forbestechcouncil/2020/03/31/the-ethical-data-dilemma-why-ethics-will-separate-data-privacy-leaders-from-followers/?sh=46ddbd4e14c6
https://techgdpr.com/blog/impact-of-gdpr-on-big-data/

Share with:
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Altri articoli

Big Data – Dilemmi etici e normative sulla privacy

Sicurezza informatica: un nuovo business per la criminalità organizzata

Il ritorno su un investimento in sicurezza per la tua azienda

Share with:
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Altri articoli

Big Data – Dilemmi etici e normative sulla privacy

Sicurezza informatica: un nuovo business per la criminalità organizzata

Il ritorno su un investimento in sicurezza per la tua azienda